fbpx

LUCCHERO DOP SANNIO AGLIANICO

0.00

Svuota
Uve Aglianico
Provenienza Sannio Beneventano – Campania
Ettari 30
Altitudine 120-400 metri slm
Produzione per Ettaro 60 – 80 q.li
Sistema di allevamento Guyot
Densità di impianto 4.000 piante per ettaro
Età media delle viti 15 anni
Epoca di Vendemmia Seconda metà di ottobre, diradamento nel mese di agosto per ottimizzare la produzione.
Tecnica di vinificazione Uve raccolte a mano e lavorate con tavoli di selezione automatica e manuale. La macerazione sulle bucce viene protratta per circa 10 giorni con pochi rimontaggi.
Fermentazione Svolta in acciaio a 24-26°C.
Ferm. Malolattica Svolta in barriques
Invecchiamento Solo il 20% del blend finale affina in legno francese nuovo mentre il restante 80% in barriques di secondo passaggio. Periodo di permanenza in barriques di 6 – 8 mesi. Periodo di élevage ulteriore in vasche in cemento.
Imbottigliamento Autunno, due anni dopo la vendemmia

 

CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE
Vino dal colore intenso con sfumature violacee, il naso si contraddistingue per i sentori fruttati intensi, le note di ciliegia si fondono a quelle speziate e vanigliate provenienti dal legno. Il gusto è avvolgente ed intenso, con tannini pieni ma setosi.

ABBINAMENTI GASTRONOMICI
Primi piatti al sugo di carne, zuppe e paste con legumi, carni rosse arrosto, formaggi a pasta dura stagionati.

TERROIR
I vini della linea Cru del Sannio sono prodotti dai vigneti della prima collina, in un paesaggio di terrazzi alluvionali e versanti a morfologia dolce, su marne. Questa duplice genesi comporta la presenza in questo terroir di un mosaico complesso di suoli: i suoli sabbioso-ghiaiosi dei terrazzi, profondi e asciutti; suoli giovani ma già organizzati, ospitali, docili, facilmente radicabili. E poi le antiche “terre nere” della collina marnosa, suoli più evoluti, tenaci, scuri d’humus in superficie, ben strutturati grazie all’eredità dell’antico bosco che li ricopriva e al lavoro secolare dei viticoltori. Al di sotto della profondità di lavorazione, il contrasto cromatico tra l’orizzonte profondo, bianco per l’accumulo di carbonati, e il substrato limo-argilloso, finemente intarsiato d’ocra e di grigio. La linea Cru del Sannio proviene quindi da un terroir assai particolare, dal punto di vista della morfologia e dei suoli. È un cru complesso, un terroir “cooperativo”, dove la costante eccellenza dei vini deriva evidentemente dalla capacità dei viticoltori di governare e armonizzare, annata per annata, il comportamento dei vigneti sui diversi suoli, versanti ed esposizioni.